Risotto al pomodoro con stracciatella e basilico

05/08/2020
________________

Risotto al pomodoro con stracciatella e basilico

Un risotto spesso sottovalutato ma che è sempre un gran successo
________________

Il risotto al pomodoro è un po’ un mio cavallo di battaglia quando si tratta di avere la dispensa vuota ma si vuole comunque fare qualcosa di un po’ sfizioso. Riso e polpa di pomodoro solitamente ci sono sempre e complice il fatto che Silvio non è un gran amante della pasta al sugo, si sceglie di optare quasi sempre per il risotto.

Questa volta chiaramente l’ho voluto rendere un po’ più ricco e quindi ho deciso di concluderlo condendolo con della stracciatella e una sorta di pesto molto leggero (praticamente composto solo da basilico, olio e parmigiano). Vista la stagione vi consiglio di mangiarlo tiepido, lasciandolo riposare quindi un pochino più a lungo del solito. Lo so che può sembrare un’eresia per un risotto, ma fidatevi di me, dovete solo avere l’accortezza di toglierlo dal fuoco quando il riso è ancora un po’ al dente, in questo modo non diventerà stracotto mentre si intiepidirà.

Essendo un “risotto d’emergenza” io lo porto a cottura con della semplice acqua bollente invece del brodo vegetale e vi consiglio di fare altrettanto soprattutto se usate una polpa di pomodoro particolarmente buona e saporita, in questo modo il pomodoro sarà il protagonista indiscusso del vostro risotto e questo lo renderà davvero unico.

Ecco la ricetta del risotto al pomodoro con stracciatella e basilico.

Stampa la ricetta Pin it!

Risotto al pomodoro con stracciatella e basilico

Salva la ricetta
4.5 da 4 voti
Preparazione 10 minuti
Cottura 15 minuti
Tempo totale 25 minuti
Porzioni 2 persone

Ingredienti

  • 200 gr riso carnaroli
  • 300 gr polpa di pomodoro (meglio se di datterino)
  • 2 spicchi aglio
  • 1/2 bicchiere vino bianco
  • 100 gr stracciatella
  • 30 gr basilico fresco
  • 15 gr parmigiano reggiano
  • sale
  • olio extravergine di oliva

Procedimento

  • Portate ad ebollizione circa 600 ml di acqua e tenetela calda sul fuoco.
  • In una pentola capiente fate rosolare per un paio di minuti due spicchi d'aglio schiacciati (io li metto sempre con la camicia che poi tolgo durante la cottura, in questo modo non c'è il rischio che si bruci e diventi amaro).
    Aggiungete quindi il riso e fate tostare girando spesso a fuoco vivo. Il riso sarà pronto per essere sfumato quando inizierà ad essere leggemente trasparente in superficie e non riuscirete a tenere i chicchi tra due dita perchè troppo caldo.
    Salate leggermente e sfumate con il vino bianco. Mescolate, fate evaporare tutto l'alcool e aggiungete la polpa di pomodoro.
  • A questo punto iniziate ad aggiungere l'acqua calda, un mestolo per volta e proseguite la cottura a fuoco medio/dolce girando spesso (per scoprire tutti i trucchi per un risotto perfetto, cliccate qui).
    Fate assorbire quasi totalmente l'acqua prima di aggiungerne altra. Quando il risotto sarà quasi pronto, assaggiate e regolate di sale.
    Toglietelo dal fuoco quando i chicchi sono ancora un po' al dente, siccome andrà mangiato leggermente tiepido, in questo modo non scuocerà.
    Mantecate con dell'olio extravergine di oliva (circa 1 cucchiaio) e lasciate riposare.
  • Nel frattempo preparate il pesto leggero. In un frullatore mettete le foglie di basilico lavate ed asciugate, il parmigiano reggiano, un cubetto di ghiaccio, un pizzico di sale e iniziate con 2 cucchiai di olio extravergine di oliva.
    Frullate in modo da ottenere un pesto (il cubetto di ghiaccio aiuterà a non ossidare il basilico per la temperatura delle lame). Se necessario aggiungete poco per volta altro olio di oliva.
  • Quando il risotto si sarà intiepidito leggermente, mettete in un piatto e condite con la stracciatella e il pesto di basilico.
Hai provato questa ricetta?Condividi una foto su Instagram, tagga il mio profilo @TheBluebirdKitchen e usa l'hashtag #TheBluebirdKitchen!
Ti è piaciuto questo post? Condividilo

author-avatar

Sono da sempre una grande amante della cucina. Posso dire di aver imparato a fare una torta prima delle divisioni a due cifre (cosa che per altro adesso ho dimenticato). Non esiste cibo che non mi piaccia, amo sperimentare e col tempo sono riuscita a creare un mio stile, che predilige la semplicità dei sapori e la genuinità degli ingredienti. Mangiatrice instancabile di asparagi a primavera, fiori di zucca d'estate, cachi d'autunno, zucche d'inverno e patatine fritte tutto l'anno. Benvenuti nel mio mondo, benvenuti nella mia Bluebird Kitchen.