Risotto acciughe, pomodori secchi e burrata

E’ iniziato dicembre, il Natale è sempre più vicino e io inizio a proporvi ricette sfiziose e un po’ più importanti del solito, perfette per il menù del cenone o del pranzo di Natale. La ricetta di oggi è un bel risotto acciughe, pomodori secchi e burrata.

E’ molto più semplice di quello che potrebbe sembrare, ma il mix di questi ingredienti lo rende un piatto davvero saporito e buonissimo, ottimo per iniziare un pasto importante o per coccolarvi quando avete voglia di mangiare qualcosa di diverso dal solito ma con l’anima semplice come gli ingredienti che lo compongono, un po’ come piace a me.

La cosa divertente di questa ricetta è che fino a poco tempo fa non amavo i pomodori secchi, anzi, a dirla tutta era una delle poche cose che proprio non mi piaceva, ma poi si sa, le cose cambiano, si cresce e i gusti mutano, ecco che quindi è da qualche settimana che sono assolutamente dipendente da questo prodotto. Da qui la nascita di questa ricetta che spero vi piaccia.

risotto acciughe, pomodori secchi e burrata

risotto acciughe, pomodori secchi e burrata

risotto acciughe, pomodori secchi e burrata

risotto acciughe, pomodori secchi e burrata

risotto acciughe, pomodori secchi e burrata

risotto acciughe, pomodori secchi e burrata

risotto acciughe, pomodori secchi e burrata

risotto acciughe, pomodori secchi e burratarisotto acciughe burrata e pomodori secchi

risotto acciughe, pomodori secchi e burrata

risotto acciughe, pomodori secchi e burrata

risotto acciughe, pomodori secchi e burrata

risotto acciughe, pomodori secchi e burrata

risotto acciughe, pomodori secchi e burrata

Ricordatevi di scattate una foto e pubblicatela su Instagram se provate a fare questa ricetta… non vi dimenticate di taggarmi @thebluebirdkitchen e di aggiungere l’hashtag #thebluebirdkitchen.
Ti è piaciuto questo post? Condividilo

Risotto acciughe, pomodori secchi e burrata

Tempo di preparazione: 10 mins
Tempo di cottura: 30 mins
Porzioni: 2 persone

Ingredienti

  • 200 gr di riso carnaroli
  • 1 scalogno
  • 1 l di brodo vegetale (1 cipolla, 3 carote e 2 gambi di sedano)
  • 5 filetti di acciuga in olio extravergine di oliva
  • 4 pomodori secchi
  • 150 gr di ripieno di burrata
  • olio extravergine di oliva

Procedimento

  1. Mettete a scaldare il brodo vegetale. Io l'ho fatto mettendo a bollire due litri di acqua in una pentola insieme ad una cipolla grossa, due gambi di sedano puliti e 3 carote sbucciate. Ho salato e fatto bollire per 45 minuti. Voi se volete potete usare un preparato per brodo, purché sia fatto con ingredienti naturali, senza aromi e glutammato, altrimenti potete usare anche dell'acqua calda.
  2. Sbucciate, lavate a tritate finemente lo scalogno. Mettetelo in una pentola con tre cucchiai di olio extravergine di oliva e tre filetti di acciuga sminuzzati grossolanamente con le mani. Fate soffriggere il tutto a fuoco medio per due minuti (le acciughe si devono sciogliere e lo scalogno appassire).
  3. Aggiungete il riso e tostatelo per un paio di minuti. Mescolate quindi spesso in modo che i chicchi diventino leggermente trasparenti.
  4. Aggiungete una mestolata di brodo e mescolate. Cuocete il risotto aggiungendo il brodo poco per volta e mescolando spesso. Per ottenere un risotto cremoso è importante non aggiungere il brodo tutto insieme ma lasciare che il riso assorbi il liquido piano piano. Cuocete in questo modo per circa 15 minuti. La consistenza del riso deve essere morbida ma ancora leggermente al dente.
  5. Togliete dal fuoco e mantecate con il ripieno della burrata. Lasciate riposare il riso per 2 minuti.
  6. Intanto che il riso riposa tagliate i pomodori secchi a fettine sottili.
  7. Mescolate il riso e assaggiate. Non dovrebbe esserci bisogno di aggiungere sale perché le acciughe saleranno già a sufficienza. Mettete il risotto in una scodella e ricopritelo con i pomodori secchi e un filetto di acciuga intero.

author-avatar

Sono da sempre una grande amante della cucina. Posso dire di aver imparato a fare una torta prima delle divisioni a due cifre (cosa che per altro adesso ho dimenticato). Non esiste cibo che non mi piaccia, amo sperimentare e col tempo sono riuscita a creare un mio stile, che predilige la semplicità dei sapori e la genuinità degli ingredienti. Mangiatrice instancabile di asparagi a primavera, fiori di zucca d'estate, cachi d'autunno, zucche d'inverno e patatine fritte tutto l'anno. Benvenuti nel mio mondo, benvenuti nella mia Bluebird Kitchen.