Insalata nordica

06/04/2016
________________

Insalata nordica

Un’insalata invernale con patate, barbabietole e sgombro
________________

Il sabato mi piace uscire a pranzo. Mi fa sentire un po’ in vacanza e mi aiuta a rilassare. Qualche sabato fa sono andata in uno dei miei locali preferiti (se siete di Varese o passate da queste parti ve lo consiglio, qui trovate il link alla pagina Facebook), il clima iniziava ad essere mite e in questi casi non c’è cosa migliore che sedersi al sole e godere dei primi tiepidi soli. Avevo voglia di qualcosa di veloce e non troppo pesante per cui sono andata dritta alla sezione del menù dedicata alle insalate e ho trovato questa: insalata nordica con patate, barbabietole, uova di quaglia e filetti di sgombro.

Neanche a dirlo, mi ha ispirata subito e l’ho ordinata… beh, me ne sono innamorata, tanto che ho deciso di riproporvela oggi nel blog. Si tratta di un piatto per nulla complicato da fare, io ho deciso di aggiungere come condimento una maionese al dragoncello homemade, ma voi se non ve la sentite di cimentarvi in questa preparazione potete tranquillamente non farla e condire il tutto semplicemente con sale, olio e un filo di aceto balsamico. Trovo che sia un alternativa ottima alla classica insalata, particolare e saporita.

Secondo me può anche essere facilmente convertita da piatto unico ad antipasto, magari dimezzando la dose e impiattandola in un modo un po’ chic, proprio come mi sono divertita a fare io.

insalata nordica
insalata nordica
insalata nordica
insalata nordica
insalata nordica
insalata nordica
insalata nordica
insalata nordica
FGiovannini_The Bluebird Kitchen_insalata_nordica
Stampa la ricetta Pin it!

Insalata nordica con patate, barbabietola e sgombro

Salva la ricetta
0 da 0 voti
Preparazione 20 minuti
Cottura 30 minuti
Tempo totale 50 minuti
Porzioni 3 persone

Ingredienti

  • 2 patate
  • 1 barbabietola cotta al vapore o al forno
  • 5 filetti di sgombro sottolio
  • 6 uova di quaglia
  • 2 uova (a temperatura ambiente)
  • 3 gr aceto di vino bianco
  • 100 ml olio di semi di girasole
  • 1/2 limone
  • dragoncello fresco
  • sale

Procedimento

  • Lavate e mettete a cuocere le patate intere in un pentolino con dell'acqua fintanto che non saranno morbide (ci vorrà all'incirca mezzora)
  • In un pentolino con dell'acqua mettete a cuocere le uova di quaglia: quando l'acqua inizia a bollire, aggiungete le uova e fate cuocere per 3 minuti. Scolate e fate raffreddare.
  • Preparate la maionese: In una ciotola capiente mettete due tuorli d'uovo, un pizzico di sale e l'aceto. Con l'aiuto di una frusta elettrica iniziate a montare le uova, girando sempre nella stessa direzione e aggiungendo piano piano (a filo) l'olio di semi. Appena vedete che avrà assunto una consistenza spumosa e densa (propria della maionese), aggiungete il succo di mezzo limone e mescolate ancora in modo da amalgamarlo bene.
  • Lavate e sminuzzate qualche fogliolina di dragoncello (se non trovate quello fresco potete usare anche quello in polvere) e aggiungetela alla maionese. La vostra salsa è ora pronta.
  • Togliete le patate dalla pentola, pelatele e tagliatele a fettine di circa 5 mm.
  • Tagliate a fette anche la barbabietola e sbucciate le uova di quaglia.
  • In un piatto disponete le patate e la barbabietola alternandole, aggiungete qualche filetto di sgombro, le uova di quaglia divise in due e condite il tutto con la maionese.
  • NOTE:
    Se per caso vedete che la maionese fa come dei grumi, vuol dire che vi è "impazzita". Per recuperarla potete provare ad aggiungere ancora qualche goccia di limone o aceto. Per quanto riguarda la quantità di olio da aggiungere, potrebbe variare. Io ne ho aggiunto solo 100 ml perché la volevo non troppo densa e meno pesante, ma voi tenete un po' più di scorta nel caso la vogliate più densa o le vostre uova ne richiedano di più.
Hai provato questa ricetta?Condividi una foto su Instagram, tagga il mio profilo @TheBluebirdKitchen e usa l'hashtag #TheBluebirdKitchen!

Ti è piaciuto questo post? Condividilo

author-avatar

Sono da sempre una grande amante della cucina. Posso dire di aver imparato a fare una torta prima delle divisioni a due cifre (cosa che per altro adesso ho dimenticato). Non esiste cibo che non mi piaccia, amo sperimentare e col tempo sono riuscita a creare un mio stile, che predilige la semplicità dei sapori e la genuinità degli ingredienti. Mangiatrice instancabile di asparagi a primavera, fiori di zucca d'estate, cachi d'autunno, zucche d'inverno e patatine fritte tutto l'anno. Benvenuti nel mio mondo, benvenuti nella mia Bluebird Kitchen.