Cotechino con lenticchie

Mai come in questo periodo dell’anno ci sono cibi che vanno mangiati: fanno parte della nostra tradizione e ci aiutano a rimanere vicini ai ricordi più cari. Il cotechino con lenticchie è uno di questi piatti.
Tra Natale e l’Epifania va mangiato almeno una volta. In questo post troverete la ricetta per prepararlo e due spunti per impiantarlo in un modo un po’ diverso, in modo da dargli un vestito un po’ più contemporaneo e “fighetto“.

Potete scegliere tra due tipi di impiattamento: uno a strati e un’altro creando una crema di lenticchie su cui adagiare dei cubetti di cotechino ripassati leggermente in una padella calda in modo da renderli un po’ più croccanti. Entrambe le versioni sono buonissime e hanno in comune la preparazione, ciò che cambia è il finale e l’aspetto. Scegliete voi quale preferite e… buon appetito!

cotechino con lenticchie

cotechino con lenticchie

cotechino con lenticchie

cotechino con lenticchie

cotechino con lenticchie

cotechino con lenticchie

cotechino con lenticchie

cotechino con lenticchie

cotechino con lenticchie

cotechino con lenticchie

Ricordatevi di scattate una foto e pubblicatela su Instagram se provate a fare questa ricetta… non vi dimenticate di taggarmi @thebluebirdkitchen e di aggiungere l’hashtag #thebluebirdkitchen.
Ti è piaciuto questo post? Condividilo

Cotechino con lenticchie

Tempo di preparazione: 15 min
Tempo di cottura: 2 h
Porzioni: 4 persone

Ingredienti

  • 1 cotechino da circa 500 gr (decidete voi se fresco o precotto)
  • 300 gr di lenticchie
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 2 gambi di sedano
  • 200 gr di passata di pomodoro
  • acqua calda (circa 300 ml)
  • sale e olio extravergine di oliva

Procedimento

  1. Se decidete di preparare il cotechino fresco la prima cosa da fare e metterlo a cuocere. Infatti ci vorranno all'incirca 2 ore. Prendetelo, bucherellatelo con una forchetta e arrotolatelo nella carta stagnola. Mettetelo a cuocere in una pentola con abbondante acqua per 2 ore. Se invece usate quello precotto, seguite le indicazioni sulla confezione (di solito cuoce in circa 20 minuti).
  2. Mettete a scaldare l'acqua.
  3. Preparate le lenticchie. Io uso quelle piccole che non hanno bisogno di essere ammollate prima e in circa 30 minuti sono cotte. Lavate e pulite la cipolla, la carota e il sedano. Tagliate tutto a dadini piccoli in modo da creare un soffritto.
  4. Mettete in una pentola un filo di olio extravergine di oliva (circa 3 cucchiai), il soffritto e fate cuocere a fuoco medio per 5 minuti girando di tanto in tanto e salando leggermente.
  5. Aggiungete le lenticchie, girate con un cucchiaio di legno in modo da amalgamare bene tutti gli ingredienti e aggiungete la passata di pomodoro. Mescolate, salate leggermente e aggiungete dell'acqua calda (tanta da ricoprire leggermente le lenticchie).
  6. Fate cuocere a fuoco basso per circa 30 minuti. Girate di tanto in tanto e aggiungete poco per volta l'acqua quando vedete che le lenticchie hanno assorbito il liquido. Regolate di sale e togliete dal fuoco.
  7. A questo punto decidete che "vestito" dare al vostro piatto. Modo classico: servite le lenticchie da una parte e il cotechino a fette dall'altra. Ognuno si comporrà il proprio piatto.
  8. A strati: aiutandovi con un coppa pasta, create degli strati: mettete una cucchiaiata di lenticchie, schiacciatele leggermente, ricoprite con delle fettine sottili di cotechino, altre lenticchie, e un ultimo strato di cotechino. Guarnite con una piccola quenelle di lenticchie, togliete il coppa pasta e portate in tavola.
  9. Crema di lenticchie con dadini di cotechino (la mia preferita): Frullate le lenticchie e allungate il purè con un filo di acqua calda in modo da ottenere una vellutata. Tagliate a fette spesse 1 cm il cotechino e create dei cubi. Mettete i cubetti ottenuti in una padella calda e fate dorare ogni lato per circa 20 secondi (giusto il tempo che si formi una piccola crosticina). Servite mettendo la crema in una scodella e guarnendo con i cubetti di cotechino e un filo di olio extravergine di oliva a crudo.

author-avatar

Sono da sempre una grande amante della cucina. Posso dire di aver imparato a fare una torta prima delle divisioni a due cifre (cosa che per altro adesso ho dimenticato). Non esiste cibo che non mi piaccia, amo sperimentare e col tempo sono riuscita a creare un mio stile, che predilige la semplicità dei sapori e la genuinità degli ingredienti. Mangiatrice instancabile di asparagi a primavera, fiori di zucca d'estate, cachi d'autunno, zucche d'inverno e patatine fritte tutto l'anno. Benvenuti nel mio mondo, benvenuti nella mia Bluebird Kitchen.