Ciambellone di riso e spinaci con polpettine di vitello e semi di finocchio

La ricetta di oggi è la tipica da pranzo della domenica. Ci vuole un po’ di tempo per prepararla ma nulla di complicato, ecco quindi la mia ricetta del ciambellone di riso e spinaci con polpettine di vitello e semi di finocchio.


Ingredienti per 6 persone:

  • 300 gr di riso arborio
  • 600 gr di spinaci da pulire
  • 1 cipolla bianca piccola
  • 400 gr di macinato di vitello
  • 1 uovo
  • 4 gr di semi di finocchio
  • 50 gr di parmigiano reggiano grattugiato
  • 200 ml di latte
  • una manciata di farina
  • 25 gr di burro + un po’ per la teglia
  • olio extravergine di oliva
  • sale q.b.
Accendete il forno a 190 °C. Pulite gli spinaci togliendo le parti dure delle foglie e metteteli a mollo in acqua fredda in modo da eliminare la terra. Io di solito li lascio a mollo circa 5 minuti, poi li scolo, cambio l’acqua togliendo la terra che si è accumulata e ripeto un altra volta.
Nel frattempo preparo il risotto per il ciambellano. Mettete a bollire dell’acqua. Per questa preparazione il risotto lo cuocerò con l’acqua e non col brodo perché voglio che rimanga con un sapore delicato e non troppo forte.
Tagliate a cubetti sottili la cipolla e mettetela a rosolare con circa 3 cucchiai di olio extravergine di oliva in una pentola abbastanza capiente (considerate che dovrete poi aggiungere gli spinaci crudi che occupano inizialmente molto spazio). 
Quando si sarà leggermente appassita (dopo circa 2 minuti) aggiungo il riso e lo faccio tostare per bene per un paio di minuti girando spesso. Salo e inizio ad aggiungere piano piano l’acqua calda.
Scolo bene gli spinaci e li taglio grossolanamente. A questo punto li aggiungo al riso (dopo che avrà cotto 5 minuti), mescolo delicatamente con un mestolo e aggiungo dell’altra acqua bollente. A questo punto aggiungete dell’altro sale e portate a cottura il riso (cuocere per circa altri 15 minuti mescolando spesso).
Assaggiate il riso, regolatelo di sale e toglietelo dal fuoco. Aggiungete il burro e 30 gr di parmigiano grattugiato. Coprite e fate riposare un paio di minuti. Nel frattempo imburrate una teglia da ciambellone. Mescolate bene il riso e disponetelo nella teglia, schiacciatelo con un cucchiaio e mettetelo in forno caldo per 20 minuti.
Intanto che il ciambellone cuoce il forno prepariamo le polpettine. Mettete a tostare i semi di finocchio in una padellino antiaderente. Girateli spesso in modo che non brucino e toglieteli dal fuoco dopo circa un minuti (inizierete a sentire l’aroma di finocchio sprigionarsi). Spostateli in un mortaio e rompeteli.
Mettete il macinato in una ciotola e aggiungete un uovo, i semi sbriciolati, un pizzico di sale e 20 gr di parmigiano grattugiato. Mescolate bene in modo da amalgamare bene tutti gli ingredienti.
Mettete della farina in un piattino e iniziate a fare delle piccole polpettine, tutte della stessa dimensione (circa 3 cm di diametro). Passatele nella farina e adagiatele in una pentola con circa 3 cucchiai di olio extravergine di oliva.
Accendete il fuoco a intensità media e fate dorare le polpettine su tutti i lati (ci vorrà in totale circa 2 o 3 minuti). A questo punto salate leggermente e aggiungete il latte. Portate le polpettine a cottura, mescolando di tanto in tanto e mantenendo il fuoco vivo. Appena vedete che il latte inizia ad addensarsi (circa 5 minuti), spegnete il fuoco e mettete da parte.
Passati 20 minuti, togliete dal forno il ciambellone e lasciatelo raffreddare per un quarto d’ora. Con l’aiuto di un coltello staccate leggermente i bordi e rovesciatelo su un piatto da portata. Se per caso non si sarà sformato per bene, potete “ricomporlo” con un cucchiaio per ridargli la forma. Mettete al centro le polpettine con il loro sughetto e servite.
Perfetto come piatto unico per il classico pranzo della domenica in famiglia o una cena tra amici. Se provate questa ricetta scattate una foto e pubblicatela su Intagram… non vi dimenticate di taggarmi @thebluebirdkitchen e di aggiungere l’hashtag #thebluebirdkitchen.
Ti è piaciuto questo post? Condividilo

author-avatar

Sono da sempre una grande amante della cucina. Posso dire di aver imparato a fare una torta prima delle divisioni a due cifre (cosa che per altro adesso ho dimenticato). Non esiste cibo che non mi piaccia, amo sperimentare e col tempo sono riuscita a creare un mio stile, che predilige la semplicità dei sapori e la genuinità degli ingredienti. Mangiatrice instancabile di asparagi a primavera, fiori di zucca d'estate, cachi d'autunno, zucche d'inverno e patatine fritte tutto l'anno. Benvenuti nel mio mondo, benvenuti nella mia Bluebird Kitchen.