Arancine pomodori secchi, capperi e origano

18/07/2017
________________

Arancine pomodori secchi, capperi e origano

Una versione alternativa delle classiche arancine
________________

Non sono mai andata in Sicilia. E’ una di quelle regioni che tanto mi affascina ma che per un motivo o per l’altro non sono mai riuscita a visitare ma che, non so per quale strano motivo, mi viene facile da immaginare. Quando penso alla Sicilia mi vengono in mente i fichi d’india, il sole rovente dell’ora di punta che rende incandescente tutto ciò che tocca. Il vento caldo che soffia, la terra secca e spaccata dal caldo ma ricca. Il mare cristallino con le barche dei pescatori che rientrano con le reti piene di delizie regalate dal mare e poi i sapori, veri, ricchi, a volte quasi esagerati ma che rispecchiano perfettamente la terra da cui provengono.

Io la Sicilia me la immagino così e spero di riuscire a visitarla presto. Intanto, mentre aspetto quel momento, ho deciso di preparare questa ricetta che spero riesca a racchiudere in parte i sapori di questa terra incredibile: arancine con pomodori secchi, capperi e origano.

arancine pomodori secchi
arancine pomodori secchi
arancine pomodori secchi
arancine pomodori secchi
arancine pomodori secchi
arancine pomodori secchi
arancine pomodori secchi
arancine pomodori secchi
FGiovannini_The_Bluebird_Kitchen_arancine
Stampa la ricetta Pin it!

Arancine pomodori secchi, capperi e origano

Salva la ricetta
0 da 0 voti
Preparazione 40 minuti
Cottura 25 minuti
Tempo di riposo 2 ore
Tempo totale 1 ora 5 minuti
Porzioni 12 arancine

Ingredienti

  • 500 gr riso vialone nano
  • 1.5 l acqua
  • 30 gr burro
  • 60 gr ricotta stagionata
  • 200 gr pomodori secchi
  • 20 gr capperi sottosale
  • 3 rametti origano secco
  • olio di semi di arachide
  • farina 00
  • pangrattato

Procedimento

  • Per prima cosa dovete cuocere il riso per assorbimento, ovvero portate ad ebollizione 1.2 l di acqua salata, versateci il riso e fate cuocere coperto a fuoco medio basso per circa 15 minuti, fintanto che non sarà cotto e avrà assorbito tutta l’acqua. In questo modo tutto l’amido rimarrà nel riso e risulterà quindi “appiccicoso”. Toglietelo dal fuoco, aggiungete una noce di burro e mescolate in modo da farlo scioglere e amalgamare. Aggiungete l’origano, gestite la quantità in base ai vostri gusti e a quanto inteso è l’origano che avete, dovrete sentirne il sapore nel riso. Non esagerate con il sale perchè il ripieno sarà molto saporito e ricco. Trasferite il tutto su una teglia in modo da creare uno strato omogeneo di riso. Ricoprite con della pellicola trasparente e fate raffreddare (ci vorranno all’incirca 2 ore).
  • Quando il riso sarà quasi pronto preparate il ripieno. In un frullatore mettete i cappeli dissalati e i pomodori secchi. Frullate in modo da ottenere un composto tritato grossolanamente, aggiungete la ricotta stagionata grattugiata e mettete da parte. Prendete una cucchiaiata di riso e mettetelo sulla mano leggermente inumidita, mettete al centro parte della farcitura e richiudete il riso in modo da ottenere una pallina. Ripetete questo procedimento fintanto che non avrete finito il riso.
  • Preparate la pastella aggiungendo a filo l’acqua rimasta (300 ml) nella farina setacciata in modo da non creare grumi e mescolate. Passate le palline di riso pima nella pastella e poi in una scodella con del pan grattato. Nel frattempo portate a temperatura una pentola con abbondante olio di semi di arachide. Quando la temperatura sarà vicino ai 160°C friggete le vostre arancine per circa 5 minuti, fintanto che non saranno ben dorate.
    Io li amo servire accompagnate da un pesto di prezzemolo, mandorle e acciughe.
Hai provato questa ricetta?Condividi una foto su Instagram, tagga il mio profilo @TheBluebirdKitchen e usa l'hashtag #TheBluebirdKitchen!
Ti è piaciuto questo post? Condividilo
0

author-avatar

Sono da sempre una grande amante della cucina. Posso dire di aver imparato a fare una torta prima delle divisioni a due cifre (cosa che per altro adesso ho dimenticato). Non esiste cibo che non mi piaccia, amo sperimentare e col tempo sono riuscita a creare un mio stile, che predilige la semplicità dei sapori e la genuinità degli ingredienti. Mangiatrice instancabile di asparagi a primavera, fiori di zucca d'estate, cachi d'autunno, zucche d'inverno e patatine fritte tutto l'anno. Benvenuti nel mio mondo, benvenuti nella mia Bluebird Kitchen.