1 menù, 3 portate, 6 persone e 1 ora e 1/2 di tempo

Il titolo di questo post ha più le sembianze di un’equazione che di un titolo vero e proprio, ma visto che il mio post precedente sul menù per una cena tra amiche vi è piaciuto molto, ho pensato, complice anche una cena da dover organizzare all’ultimo momento, di riproporvene uno nuovo: 1 menù, 3 portate, 6 persone e 1 ora e 1/2 di tempo per prepararlo.

Ma partiamo con ordine: il menù.

Primo: vellutata di zucca con gorgonzola

Secondo: spiedini di involtini con finocchi e patate al forno

Dessert: mousse al cioccolato bianco con lamponi

Anche qui come per l’ultima volta la cosa più importante è l’organizzazione: identificare la pietanza che ha bisogno di più tempo per essere preparata e via via fate le altre a scalare, inoltre, studiatevi per bene le ricette prima, in modo di sapere già cosa dover fare.
In questo caso, il vincitore del premio “lentezza” lo vince senza ombra di dubbio il dessert. Non tanto perché è lungo o complicato da preparare, quanto perché deve riposare in frigorifero almeno un’ora. Ho fatto una piccola modifica rispetto alla ricetta che trovate seguendo il link: al posto dei mirtilli ho usato i lamponi.

_MG_8397 copia

mousse al cioccolato bianco

Una volta risolto “l’affair” dessert possiamo passare al contorno del nostro secondo. Sono delle semplici patate e finocchi al forno, nulla di complesso o elaborato ma hanno bisogno del loro tempo per essere cotte.

patate al forno

patate al forno

finocchi al forno

finocchi al forno

A questo punto saranno passati all’incirca 40 minuti, siamo quasi a metà strada della nostra preparazione. E’ il turno del primo. La versione che ho proposto in questo menù è semplificata rispetto a quella della ricetta che ho messo nel link. La base è uguale: vellutata di zucca, ma invece della crema di spinaci e della feta, aggiungerò un fiocchetto di gorgonzola al centro di ciascun piatto poco prima di servirla in modo da arricchirla un po’.

vellutata di zucca

vellutata di zucca

Una volta messa a cuocere la zucca per la vellutata potete preparare gli spiedini. Questi dovete cuocerli poco prima di servirli, il tempo della cottura è davvero limitato (un minuto per lato), però intanto potete prepararli e disporli nella pentola in cui li cuocerete in modo che rimangano pronti per la cottura.

involtini

Direi che a questo punto ci siete. Dovreste avere ancora a disposizione una ventina di minuti che potete dedicare all’apparecchiatura, a sistemare un po’ la cucina e a farvi belle per i vostri ospiti.

apparecchiatura

Spero che questo secondo menù vi sia piaciuto, scrivetemi nei commenti o su Facebook o dove preferite se avete qualche richiesta per dei menù particolare (vegano, vegetariano, in mezz’ora, dieci minuti… ecco quello magari no perché solo la bacchetta magica o un miracolo riuscirebbero a compiere l’impresa 🙂 ).

Ti è piaciuto questo post? Condividilo

Menù di tre portate pronto in 1/2 ora

Tempo di preparazione: 1 ora 1/2
Persone: 6

Ingredienti

  • 300 ml di panna fresca
  • 150 ml di crème fraîche
  • 400 gr di cioccolato bianco
  • 250 gr di lamponi
  • 3 finocchi
  • un filo di aceto balsamico
  • 4/5 patate medie
  • 2 spicchi d'aglio
  • 1 kg di zucca
  • 1 cipolla grande
  • 300 gr di gorgonzola dolce
  • 24 fettine di carpaccio di manzo
  • 12 rametti di rosmarino
  • 24 fette di speck
  • 150 gr di fontina
  • un goccio di vino bianco
  • sale, pepe e olio extravergine di oliva

Procedimento

  1. Accendete il forno a 190°C. Mettete a bollire 1 litro di acqua.
  2. Preparate la mousse di cioccolato bianco: sciogliete a bagno maria, mescolando spesso, il cioccolato bianco. In una ciotola mette la crème fraîche e mescolate. In un'altra ciotola montate la panna fintanto che non avrà raggiunto la stessa consistenza della crème fraîche. Spostate il cioccolato bianco fuso in una ciotola capiente e aggiungete, poco a poco il composto con la panna. Mescolate dal basso verso l'alto fintanto che non si saranno amalgamati bene i due composti. Trasferite la crema ottenuta in 6 ciotoline. Mettete qualche lampone, una cucchiaiata di mousse, qualche altro lampone e ricoprite con dell'altra mousse. Lasciatevi da parte qualche lampone da usare come decorazione. Mettete tutto in frigorifero e lasciatela fintanto che non sarà il momento di mangiarla.
  3. Passiamo ora ai contorni, le patate: sbucciatele, lavatele e tagliatele a dadini. Mettetele in una teglia con gli spicchi d'aglio schiacciati e qualche fogliolina di rosmarino. Salate, pepate, mescolate e mettete a cuocere in forno caldo per circa 45 minuti mescolando di tanto in tanto.
  4. I finocchi: puliteli e lavateli. Tagliateli prima in due e poi a spicchi. Adagiateli in una teglia da forno, condite con sale, olio extravergine di oliva e un filo di aceto balsamico. Mettete a cuocere in forno caldo per 40 minuti, girando di tanto in tanto.
  5. E' il turno del primo, la vellutate di zucca: Pulite, sbucciate e tagliate a pezzetti la zucca. Pulite e tagliate a fettine una cipolla. Mettetela a rosolare in una pentola con un filo d'olio a fuoco medio. Dopo 5 minuti aggiungete la zucca. Salate, mescolate e fate insaporire per altri 5 minuti. Ricoprite con dell'acqua bollente (deve ricoprirla leggermente, 600/700 ml dovrebbero essere sufficicienti) e fate cuocere 15 minuti. Appena la zucca si sarà ammorbidita, frullate con un frullatore ad immersione in modo da ottenere la vostra crema. Assaggiate e regolate di sale. Quando la servirete, aggiungerete un fiocchetto di gorgonzola al centro di ogni scodella.
  6. Preparate gli involtini: Tagliate a cubetti la fontina e mettetela al centro di ogni fettina di carne. Richiudete la carne in 4 (come per un pacchetto). Avvolgetela in una fetta di speck e infilzate a due a due gli involtini con un rametto di rosmarino. Disponete tutti gli involtini in una padella con un filo d'olio. Poco prima di mangiarli, cuoceteli 1 minuto per lato a fuoco vivo, sfumate con un goccio di vino bianco e non appena sarà evaporato, servite. Essendoci sia lo speck che la fontina non è necessario salarli.

author-avatar

Sono da sempre una grande amante della cucina. Posso dire di aver imparato a fare una torta prima delle divisioni a due cifre (cosa che per altro adesso ho dimenticato). Non esiste cibo che non mi piaccia, amo sperimentare e col tempo sono riuscita a creare un mio stile, che predilige la semplicità dei sapori e la genuinità degli ingredienti. Mangiatrice instancabile di asparagi a primavera, fiori di zucca d'estate, cachi d'autunno, zucche d'inverno e patatine fritte tutto l'anno. Benvenuti nel mio mondo, benvenuti nella mia Bluebird Kitchen.